I bambini! chi penserà ai bambini! ovviamente il marciume leghista.

22 agosto 2009

bollino-rosso

ATTENZIONE QUESTO POST CONTIENE IMMAGINI NON ADATTE AD UN PUBBLICO DI MINORI CON GENITORI RAZZISTI

Se non finisci di mangiare chiamo la musulmana….

Ovviamente non credo che ci siano persone che intimoriscono così i loro figli (o quasi), tuttavia a in una piscina di Verona, dei bambini alla vista di una donna che faceva il bagno con un costume che le copriva tutto il corpo, a detta dei loro genitori, si sono spaventati, immagino pipì collettive nell’acqua di questa piscina, genitori occupati a calmare i tremolanti e incontinenti bambini.

immagino il terrore dei bambini quando alla televisione vedono scene come questa

terrore

PAURA E !!

e presumo che questi bambini non vanno mai in chiesa

suora

ARGH!!!

Tralascio le motivazioni che hanno portato all’allontanamento della donna con quel particolare costume da bagno, anche se sono sicuro che se un giorno decidessi di farmi il bagno in quella piscina con un costume da bagno vintage  anni 30, per intenderci quelli a mezza gamba con le bretelle, probabilmente più che paura susciterei ilarità, ma mi farebbero stare ugualmente….

Quello su cui vorrei soffermarmi è sul fatto che i “genitori” abbiano usato come pretesto i loro stessi figli per far allontare una donna che per motivi che sfuggono alla normale inteligenza, non aveva il diritto di farsi il bagno assieme a loro.

Ecco cosa dovrebbe far discutere, non una donna che fa il bagno con un costume che le copre tutto il corpo, ma che per giustificare le proprie tesi razziste certi genitori non si fanno troppi scrupoli a sfruttare i loro figli.

Questo si che fa paura.


Avvolte ritornano

24 gennaio 2009

Avete presente quando di fronte a dei problemi di diversa natura, c’è sempre qualcuno che non considerando molte cose, avanza delle soluzioni alquanto semplicistiche, del tipo: Il problema energia? mettiamo i pannelli solari nel deserto! , La spazzatura? spediamola nel sole! , La RAI? privatizziamola!

La favoletta della privatizzazione, si presenta ogni volta che si riaffaccia il problema della lottizzazione della RAI, e puntualmente, la risposta, la panacea di tutti i mali del servizio pubblico, è sempre la stessa privatizzare, sia dall’elettorato di centro destra e sempre più spesso anche da quello di centro sinistra, c’è questa voglia di cedere una dei patrimoni pubblici più importanti del paese.

rai-tv

Il tutto con la semplicissima scusa che in questo modo la su detta rai non sarebbe più il campo giochi dei partiti, il che è una palese bugia, in quanto se l’essere privatizzata garantisca di per se l’obbiettività, non che l’equidistanza dalle varie forze politiche, allora mediset dovrebbe essere il polo televisivo più obbiettivo di tutti, ma la realtà ci insegna che di mediaset si può dire tutto tranne che sia una tv obbiettiva ed equidistante dalle varie forze politiche.

Chi dovrebbe prendere le redini della rai, gli si domanda l’orientamento politico? o più semplicemente diventerebbe il giocattolo imprenditoriale di qualche gruppo di potere, o meglio ancora la si cederà ai soliti amici degli amici, magari si costituisce una cordata stile alitalia.

Sembrano tanti fanatici delle privatizzazioni chi per l’insofferenza di rai 3, chi per non pagare il canone, chi per pura ideologia, qualcuno di questi ultimi anche tra le file del così detto centro sinistra, stupidamente vedono nella gestione del privato la soluzione ai diversi problemi ed inefficienze del paese, come se i media privati non fossero schiavi dell’interesse politico di chi li detiene.

l’idea di privatizzare la rai nasconde interessi economici non indifferenti, mentre per tutti i fanatici delle privatizzazioni, solo miopia ideologica, la rai può diventare l’unica alternativa al vuoto informativo di questo paese, a patto che non finisca in mani private.


La longa manus…

17 gennaio 2009

campagnabus

La cattiva notizia è che purtroppo non lo vedremo mai passare nelle nostre città.

Quella buona è che il messaggio è passato ugualmente, sui giornali su internet in tv e perfino per radio, il tutto senza spendere un euro. 🙂


VIVA L’ITALIA (VIDEO)

16 gennaio 2009

VIVA L’ITALIA

IL FARO D’EUROPA

VIVA L’ITALIA

CHE MANGIA E CHE SCOPA

QUANTA GENTE FELICE C’È

E’ IL PAESE CHE FA PER ME

E A CHI DICE CHE CRISI C’E’

DICO: ” CHE ME NE FOTTE A ME”


Sorridi è solo un ateobus

14 gennaio 2009

Ha fatto un po di rumore la campagna promossa dallo UAAR, in merito all’ateobus, il messaggio è chiaramente ironico e non offensivo:

La cattiva notizia è che Dio non esiste. Quella buona è che non ne hai bisogno

E’ un messaggio ironico non ci vuole mica un miracolo per capirlo, tuttavia nella pseudo cattolica Italia il senso dell’umorismo è un concetto astratto.

humor

Non potevano non levarsi le critiche da parte di esponenti religiosi, politici, e perfino da parte del responsabile che cura la campagna pubblicitaria che mettendo le mani avanti dice

Abbiamo appreso quale fosse il messaggio destinato allo spazio pubblicitario dei due autobus dell’Amt di Genova leggendo i giornali oggi, anche perché la prenotazione degli spazi era stata appena fatta

Dicendo inoltre che la concessione degli spazzi pubblicitari non è scontata, di fatti il bozzetto della campagna deve superare i controlli, che in base al codice di auto disciplina pubblicitaria, non deve contenere messaggi offensivi in materia di religione.

La cosa simpatica è che la campagna è stata definita FOLCLORISTICA dai rappresentanti locali delle comunità islamiche ed ebraiche, prendo nota che finalmente si è trovato un fronte comune per far andare d’accordo le due religioni 🙂

Monsignor Marco Doldi definisce la campagna

un evidente caduta d stile… la questione su Dio è affrontata con la pubblicità, che non permette alcun confronto…

Evidentemente era meglio da vespa, e poi che confronto ci dovrebbe essere sull’esistenza di dio?

Come se non bastasse ci mancava il teatrino della politica, a dire il vero l’autobus ateo è l’ultimo dei loro pensieri, tuttavia il ruolo esige una indignazione e loro come tante belle marionette si indignano, evidentemente provocare l’indignazione a comando di queste persone inutili è semplicissimo basta una battuta, “una risata vi seppellirà” è proprio il caso di dirlo 😀

Si indigna la subrettina Gabriella Carlucci, che nella sua immeritata veste di vicepresidente della commissione infanzia, sproloquia:

“una provocazione offensiva” in particolare per i cattolici utenti del servizio di trasporto pubblico

“costretti a sopportare slogan e volgare ironia sui propri simboli religiosi” (  l’autobus?  😀  )

Non so se vi ricordate ma Gabriellina era quella che farneticava di stipendi dei parlamentari troppo bassi, e di operai fortunati e senza problemi, per non parlare della sua pretesa di conoscere la fisica quanistica meglio di un premio nobel.

Sconcertato e rattristato anche il povero Maurizzio Gasparri, mentre il presidente della regione veneto attacca il sindaco di genova citando De Andrè, bisognerà pagare un’altro autobus per pubblicizzare una volta scoperto il nesso tra la campagna pubbliicitaria ed il compianto Cantautore.

In definitiva tutta una sequele di gente che si strappa le vesti vaneggiando di blasfemità, gay pride, politici della lega nord che incitano a non pagare il biglietto, ( sti leghisti più che fessi son tirchi )

Ma in assoluto la replica migliore è quella dell’associazione Giovine Italia che darà il via ad una campagna pubblicitaria, con lo slogan

“Dio esiste ed è Gesù. Venite a incontrarlo con noi”

per la serie non nominare il nome di dio invano, scrivilo invece sulla fiancata di un autobus, chi sa se i rappresentanti ebraici ed islamici saranno d’accordo 😀


La divisa non si processa (video)

14 novembre 2008

processo diaz, assolti i vertici delle forze dell’ordine


Venerabile, stupida, Italia

1 novembre 2008

Quando ad una delle menti criminali peggiori di questo paese, viene dedicato un programma televisivo penso che per questo paese sia ormai difficile tornare indietro.

Alcuni dei principali punti del piano di rinascita democratica tanto per rinfrescarci la memoria:

LA NASCITA DI DUE PARTITI PRINCIPALI; mi sembra che questo punto sia stato raggiunto, i più importanti partiti italiani ovvero il partito democratico e il popolo delle libertà, per altro due partiti con differenze irrilevanti.

IL CONTROLLO DEI MEDIA; anche questo mi sembra che sia stato raggiunto.

PROGETTO BICAMERALE

RIFORMA DELLA MAGISTRATURA; tema più che attuale che tende allo smantellamento della magistratura che sarebbe di intralcio per l’oligarchia dominante.

RIDUZIONE DEL NUMERO DEI PARLAMENTARI

ABOLIZIONE DELLE PROVINCE; tutto sommato su questo punto mi trovo d’accordo.

ABOLIZIONE DELLA VALIDITÀ LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO